Privacy Policy

Reti, Server e Sicurezza informatica

Ti affianchiamo per curare le "cose digitali" della tua attività. Dal 2004 a Gabicce. Semplice.

Chiamaci

Wi-Fi forse libero in Italia: ucciso lennesimo cavillo

Wi-Fi Signal logo

Il Garante della Privacy ha confermato che qualsiasi esercente pubblico può mettere liberamente a disposizione dei clienti servizi Wi-Fi ed eventualmente PC o altri tipi di terminali. Si risolve così l’ennesimo nodo sul wireless pubblico italiano.In pratica da tempo si era acceso il dibattito sui programmi di archiviazione online. I vari provider sostenevano che incombesse sui gestori di bar e ristoranti “l’obbligo di registrazione dei dati degli utenti”. Non di meno anche la corresponsabilità dei siti visitati da clienti in caso di connessione alla rete con l’accesso telematico fornito dal locale.FIPE, la federazione italiana pubblici esercizi aderente a Confcommercio-Imprese per lItalia, ha cercato di dirimere subito la questione con l’interpretazione corretta della normativa. Dopodiché ha richiesto l’intervento del Garante per “convincere” i vari provider.Con questa interpretazione, che conferma quella da subito data da FIPE, i gestori dei locali saranno sollevati da qualsiasi responsabilità rispetto alla navigazione in Internet da parte dei loro clienti e, nel caso volessero entrare in possesso di informazioni più dettagliate riguardo alluso della rete, dovranno richiedere al consumatore di firmare l’autorizzazione al trattamento dei dati personali”, si legge nella nota ufficiale FIPE.”Il Garante, nella risposta fornita a FIPE, ha infatti ribadito che questo caso rientra fra quelli in cui non può essere effettuato il trattamento dei dati personali senza necessità del consenso del soggetto interessato, in base allart. 24 del Codice”.A questo punto gli esercenti possono eliminare ogni strumento per il monitoraggio e l’archiviazione dei dati, senza il rischio di alcuna responsabilità, “rendendo così realmente libero il servizio di Wi-Fi offerto”. In caso contrario dovranno informare gli avventori dell’uso che viene fatto dei dati monitorati, attraverso la sottoscrizione del consenso al trattamento degli stessi, di cui allart. 13 del Codice.”La connessione Wi-Fi libera nei pubblici esercizi va verso la direzione delle smart city. Bar, ristoranti, discoteche, stabilimenti balneari diventano sempre più interattivi e sono così in grado di offrire ai clienti un servizio importante nell’era del digitale”, ha commentato il presidente FIPE, Lino Stoppani.

viaWi-Fi forse libero in Italia: ucciso lennesimo cavillo – Toms Hardware.

Enhanced by Zemanta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi