Privacy Policy

Reti, Server e Sicurezza informatica

Ti affianchiamo per curare le "cose digitali" della tua attività. Dal 2004 a Gabicce. Semplice.

Chiamaci

Basta un SSD per migliorare le prestazioni di un vecchio PC?


English: msystems

Image via Wikipedia

Ci sono situazioni dove l’archiviazione non è il collo di bottiglia. Per queste applicazioni spendere molti soldi per un SSD non ha senso. È solitamente il caso di netbook e nettop, che hanno una potenza così ridotta che la tecnologia NAND Flash si rivelerebbe utile solo per migliorarne la resistenza agli urti o i consumi. Gli SSD non aiutano quando ci sono carichi di lavoro che insistono specificatamente su CPU e grafica; quando uno dei due sottosistemi fa da collo di bottiglia, un incremento del throughput dell’archiviazione non aiuta a spingere più dati.

Tuttavia i nostri risultati dimostrano che ha senso installare un SSD persino su sistemi datati. Velocizza l’avvio, accelera i tempi di caricamento delle applicazioni e offre maggiore reattività. In alcuni casi ha più senso aggiornare processore o scheda video, ma in molti casi un SSD fa più differenza di qualsiasi altro componente.

Gli SSD non sono solitamente presi in considerazione per aggiornare vecchi sistemi. Processori, schede video e memoria sono sicuramente le scelte più comuni. Tuttavia se spendete la maggior parte del vostro tempo con le applicazioni di produttività, navigando in Internet o guardando video/ascoltare musica una vecchia configurazione Core 2 è ancora rispettabile. Inoltre qualsiasi cosa acquistiate vi richiede una sostituzione aggiuntiva. Una nuova CPU rimanda a una nuova scheda madre (e probabilmente anche memoria). Una scheda video di fascia alta impone l’aggiornamento dell’alimentatore. Se la vostra piattaforma ha un controller SATA con supporto AHCI aggiungere un SSD sarà invece un’operazione indolore.

In un sistema dotato di almeno un processore Athlon 64 X2 o Core, e almeno un paio di gigabyte di memoria, un SSD può diventare l’aggiornamento più significativo. Se siete giocatori, una scheda video nuova è quasi sempre da preferire. Per tutti gli altri un SSD offrirà migliori prestazioni rispetto a un aggiornamento della RAM e potrebbe anche fare molto meglio rispetto a un nuovo processore. Non c’è nemmeno bisogno di fare grandi scelte per un SSD. Aggiungendo semplicemente un disco da 64 o 128 GB per il vostro sistema operativo e le applicazioni che secondo voi necessitano di maggiori prestazioni, basterà per fare la differenza. Investendo dai 120 ai 250 euro potrete assicurarvi un prodotto che vi cambierà l’esperienza con il vostro computer.

Fatte queste considerazioni, nessuno dei sistemi che abbiamo realizzato è una configurazione estrema. Le conclusioni che abbiamo stilato sono indirizzate alla fascia media degli utenti PC. Se le prestazioni d’insieme sono le vostre ragioni di vita, dobbiamo consigliarvi di abbandonare la tecnologia degli anni passati, e realizzare una configurazione completa e bilanciata partendo da zero.

viaBasta un SSD per migliorare le prestazioni di un vecchio PC? – Pagina 10 – Tom’s Hardware.

Enhanced by Zemanta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi